oikos-slider-pagine-interne-blurred

Dal 1994 a Bergamo, in via Borgo Palazzo 130

I Profughi

La “questione profughi” è uno dei fenomeni che stanno caratterizzando questi anni.

Ormai siamo drammaticamente abituati ai racconti di sbarchi e naufragi, alle immagini di gente (di tutte le età e le condizioni) in cammino attraverso l’Europa e dei corpi di chi non ce la fa.

E non saranno politiche nazionali o europee da rivedere, né accordi le cui ragioni sembrano poco rispettosi della dignità umana, né, tanto meno, muri costruiti o filo spinato disteso lungo i confini a fermare queste persone.

È un fenomeno molto complesso per le cause che determinano la partenza di uomini e donne dal proprio paese, per le drammatiche condizioni di viaggio, per le politiche e gli accordi internazionali che cercano di gestire in modo “matematico” (con operazioni di “ingegneria umanitaria”) la vita di persone la cui volontà viene spesso ignorata, per le condizioni e le distorsioni della gestione dei profughi, per l’uso spesso strumentale che si fa della questione, per la storia di queste persone costrette a tempi lunghissimi di attesa, di “vita sospesa” in attesa del giudizio delle commissioni che devono stabilire se potranno accedere allo status di rifugiati, oppure se saranno, teoricamente, costretti a lasciare il nostro paese.

OIKOS, come è successo in altre occasioni, è testimone di questo fenomeno.
Alcuni di questi uomini e donne arrivano in ambulatorio nelle settimane che precedono la loro iscrizione al SSN.
Sono persone forti, che hanno vissuto esperienze che per la maggior parte di noi è difficile addirittura immaginare e che, con grande dignità, sopportano preoccupazioni e malesseri.

Abbiamo deciso di dedicare uno spazio del nostro sito a questo tema perché è il nostro modo di “accogliere” queste persone e perché riteniamo importante offrire alcuni spunti di riflessione e di conoscenza.

Immigrazione e opinione pubblica 2014/2015 Il biennio terribileEugenio Torrese - Agenzia per l'integrazione
Migrazioni senza soluzioniMaurizio Ambrosini - Commentary
Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2015Anci / Caritas Italiana / Cittalia / Fondazione Migrantes / SPRAR
Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2016Anci / Caritas Italiana / Cittalia / Fondazione Migrantes / SPRAR
Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2017 - SintesiAnci / Caritas Italiana / Cittalia / Fondazione Migrantes / SPRAR
Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2017 - Rapporto integraleAnci / Caritas Italiana / Cittalia / Fondazione Migrantes / SPRAR

L’associazione

L’associazione OIKOS, nata nel 1994, si propone di promuovere una cultura che riconosce nella salute un diritto primario di chiunque.

L’ambulatorio

Presso la sede dell’Associazione OIKOS è disponibile un Ambulatorio di Medicina Generale rivolto agli immigrati non iscrivibili al s.s.n. italiano.

Legislazione

E’ possibile accedere a questa sezione per informarsi riguardo alla Legislazione Nazionale, Regionale e Locale per i cittadini comunitari ed extracomunitari.

Domande & Risposte

All’interno della sezione Domande & Risposte puoi trovare risposte alle domande che più frequentemente ci vengono poste presso l’ambulatorio.

Il sito internet dell’associazione OIKOS Onlus rispetta le linee guida nazionali della FNOMCeO in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica. Codice Fiscale: 95093090165.
Associazione OIKOS Onlus. Bergamo, Via Borgo Palazzo 130. 035.26.78.068 oikos_mail@yahoo.it, oikos_bergamo@pec.it

Copyright © 2013 – 2019 OIKOS Onlus. Diritti Riservati.